Il sistema di visti elettronici per l'Egitto verrà lanciato quest'anno

Il sistema di visti elettronici per l'Egitto verrà lanciato quest'anno

A marzo, il ministro egiziano delle comunicazioni e delle tecnologie informatiche, Yasser al-Qady, ha annunciato che l'Egitto si unirà ad un elenco di paesi di tutto il mondo in costante aumento, che hanno implementato un nuovo sistema di visti elettronici per migliorare i controlli alle frontiere. Il sistema di visti elettronici per l'Egitto doveva entrare in vigore a giugno di quest'anno; tuttavia, a causa di ritardi, il visto elettronico per l'Egitto è stato lanciato a novembre ed ora è disponibile.

Dopo il Forum del turismo arabo di mercoledì a Dubai, il ministro egiziano per il turismo, Yehia Rashed, ha detto ai giornalisti che "con questo sistema, qualsiasi turista da qualsiasi parte del mondo avrà il diritto di richiedere un visto elettronico". Ciò significa che l'Egitto sta considerando di aumentare il numero di paesi che possono entrare nel paese senza un visto dell'ambasciata o del consolato. Tuttavia, l'elenco ufficiale dei paesi ammissibili non è ancora stato finalizzato e pertanto siamo ancora in attesa delle informazioni definitive su quali cittadini stranieri saranno idonei a richiedere il visto elettronico per l'Egitto.

Questo nuovo sistema sarà molto probabilmente simile a quello di altri paesi del mondo, che hanno di recente introdotto il sistema di visti elettronici come l'India, il Myanmar, il Bahrain, ecc. Questi programmi consentono ai turisti di richiedere il visto online, compilando un modulo con le proprie informazioni personali, i dettagli di viaggio e qualsiasi documento di sicurezza, prima di pagare una tariffa per presentare la richiesta per l'approvazione. Una volta che l'ente autorizzato corrispondente ha concesso il visto elettronico, il richiedente sarà informato tramite e-mail.

In questo caso, il ministro egiziano delle comunicazioni e delle tecnologie informatiche, Yasser al-Qady, ha dichiarato che "i turisti potranno richiedere un visto online tramite un codice a barre che riceveranno. Dopo l'approvazione delle autorità egiziane, una copia del visto è inviata a loro elettronicamente".

Il ministro del turismo Rashed ha anche spiegato che, inoltre, il sistema di visti elettronici causerà modifiche ad altre procedure di visto come consentire agli espatriati nei paesi del Golfo di usufruire del visto all'arrivo ottenuto all'ingresso dell'aeroporto in Egitto.

Un altro emendamento alle politiche sui visti egiziani è la cancellazione delle restrizioni che sono state stabilite per i cittadini dei paesi del Magreb arabo, promuovendo così il flusso del turismo attraverso la regione del Nord Africa.

Secondo una precedente dichiarazione, il Gabinetto ha previsto il lancio del visto elettronico per l'Egitto per maggio di quest'anno; tuttavia, è stato posticipato a novembre.

Il programma di visto elettronico egiziano consentirà ai viaggiatori idonei per l'Egitto di compilare una richiesta online e pagare la tariffa del visto online tramite carta di credito prima di ricevere il visto elettronico approvato nella loro e-mail. Ciò consentirà ai viaggiatori di ottenere il visto per l'Egitto in anticipo, accelerando e facilitando il lavoro di controllo delle frontiere e dell'immigrazione nei porti di ingresso e rendendo molto più semplice il processo generale per l'ottenimento di un visto per l'Egitto da parte dei potenziali turisti.

Infine, il ministro Yasser al-Qady ha dichiarato che il nuovo sistema allevierà la responsabilità delle autorità di sicurezza e dei turisti. In altre parti del mondo, il nuovo sistema di visti elettronici ha fatto registrare un aumento delle richieste per visti turistici e le autorità egiziane sperano che il visto turistico elettronico per l'Egitto possa avere lo stesso effetto in Egitto, modernizzando allo stesso tempo il programma d'immigrazione, in modo che corrisponda a quello di altri paesi.

Articolo precedente Prossimo articolo

Utilizzando il nostro sito Web accetti la nostra politica sui Cookies. Clicca qui, per saperne di più. Sono d'accordo